Area comunicazione


Nell'ambito dei progetti inseriti nel programma "Piu Europa" vi è ilrecupero edilizio di immobili attualmente dismessi e/o privati di senso...

IMAGE

Leggi tutto l'articolo
Nell'ambito dei progetti inseriti nel programma "Piu Europa" vi è il recupero edilizio di immobili attualmente dismessi e/o privati di senso...

IMAGE

Leggi tutto l'articolo
Già stanziati nel bilancio di previsione 700mila euro per l’intera riqualificazione dell’area che fino a dieci anni fa ospitava la fiera del...

IMAGE

Leggi tutto l'articolo

Verso il futuro

Il PIU Europa della Città di Aversa “Verso il futuro” rappresenta la traduzione a livello di programmazione locale di quanto definito in ambito europeo e regionale in riferimento alle strategie di coesione e di rigenerazione urbana.

Approvato dalla Regione Campania il 15.03.10, è l’esito di un percorso che ha visto coinvolgere dapprima gli attori locali e le istituzioni, attraverso il meccanismo delle manifestazioni di interesse (Parco Progetti) e successivamente il Comune e la Regione in un dialogo serrato, al fine di costruire un programma di interventi articolato territorialmente e tematicamente in modo coerente con gli obiettivi del POR FESR 2007-2013. 

La mission del Programma si concretizza in quattro indirizzi: Aversa città Sostenibile, città dei Saperi, città del Benessere e città Aperta

Il PIU Aversa - “Verso il futuro”, il cui investimento complessivo è stimato in 75,3 milioni di euro (dei quali 29,6 finanziati da fondi europei).

Il PIU Europa della Città di Aversa, all’interno della strategia di recupero, individua a monte due macroobiettivi, riferiti all’analisi delle potenzialità di riuso, riqualificazione e recupero delle aree dismesse e all’individuazione dei progetti sui quali l’Amministrazione può investire, in sintonia con la Programmazione individuata nel PTR della Regione Campania per l’STS 4 “Sistema Aversano” a dominante urbana industriale – sviluppo sistema stradale a supporto dell’Area – e con i relativi indirizzi strategici B4 e B5, rispettivamente “Valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio” e “Recupero delle aree dismesse e/o in via di dismissione”.